Primo Piano

Le ultime: Fidelis, tornano Maurantonio ed Esposito dal 1’. Paganese, riecco Cesaretti in attacco

Convocati anche Tartaglia e Abruzzese. Torna Esposito. Rientra anche Cesaretti tra i campani. Negro out.

Riccardo Alicino
24.02.2018 19:00

È servita a poco la giornata di riposo, vissuta domenica scorsa dalla Fidelis Andria. Se infatti sono stati  recuperati il portiere Maurantonio e i difensori Tartaglia e Abruzzese, questi ultimi pronti per giocari uno spezzone di partita, si sono fermati in settimana ben quattro elementi della rosa biancoazzurra. Stiamo parlando dell’attaccante Taurino, fuori per una frattura al mignolo del piede, l’esterno Nadarevic, sta volta alle prese con la febbre e i difensori Colella e Scalera, quest’ultimo per una contrattura muscolare. Nella gara del “Marcello Torre” di Pagani, la Fidelis dovrebbe scendere in campo col classico 3-5-2. In porta ballottaggio Maurantonio-Cilli, col primo favorito. Difesa a tre con Tiritiello al posto di Colella. Centrocampo a cinque con uno tra Lobosco e Lancini sulla sinistra, mentre in mezzo al campo ci sarà il ritorno di Esposito, che ha recuperato dalla squalifica. Croce e Lattanzio, invece, andranno a formare il tandem d'attacco.

Buone notizie in casa Paganese. Mister Favo, infatti, potrà contare sul recupero di quattro elementi della squadra. Si parla del portiere Gomis, dei centrocampisti Grillo e Baccolo e dell’attaccante Talamo, ai quali c’è da aggiungere la punta Cesaretti, che rientra da una squalifica. Non al meglio, invece, solo la punta Negro e il difensore Carini3-5-2 anche per i campani. Gomis in porta. Nessuna novita in difesa rispetto alla gara col Trapani, mentre a centrocampo Baccolo prenderà il posto di Bensaja. In attacco ballottaggio Cuppone-Cernigoi col primo favorito sul secondo. Uno dei due affiancherà Cesaretti nella coppia di attacco neroazzurrastellata.

Paganese - Fidelis Andria: scontro diretto da non sbagliare. Presentazioni gara e probabili formazioni
Paganese - Fidelis Andria: ecco i convocati nelle fila degli azzurri. Fuori Nadarevic, Colella e non solo