Primo Piano

LIVE Cosenza - Fidelis Andria 1-1: pari e patta, ancora una beffa finale per i federiciani. RIVIVI IL MATCH

Sopra di una rete, gli andriesi si fanno raggiungere da Pascali all'ultimo.

Nicola Massaro
16.09.2017 17:45

Foto Ufficio Stampa Gravina

Si conclude 1-1 il match tra Cosenza e Fidelis Andria. Una sfida che ha visto le due compagini creare diverse occasioni pericolose. Accade tutto nella ripresa con Curcio che porta in vantaggio i federiciani direttamente da calcio di punizione e Pascali che poco prima dello scadere pareggia i conti, servito in area da calcio di punizione.

I calabresi si schierano con il 4-3-3. Rosa al completo per mister Fontana che decide di confermare la stessa formazione scesa in campo contro il Matera con Caccavallo, Baclet e Tutino a formare il tridente offensivo. Dall’altra parte i pugliesi si posizionano a specchio. Ai box solo lo stopper Colella, sempre infortunato. Mister Loseto, dall’altra parte, risponde con uno schema a specchio. Anche il tecnico degli azzurri opta per la continuità e schiera gli stessi undici titolari visti all’opera contro la Juve Stabia: Lattanzio, Croce e Barisic compongono il trio.

Il primo brivido del match arriva al 3’ ed è in favore della Fidelis Andria: Curcio, direttamente da calcio di punizione dai 25 metri circa, colpisce il palo alla destra di Perina con un preciso tiro, sfiorando di fatto il vantaggio. Buon approccio al match per i federiciani, apparsi subito maggiormente determinati rispetto ai calabresi. All’11 un bel cross in profondità di Palmiero mette in difficoltà la retroguardia azzurra, poco reattiva: la sfera, tuttavia, si spegne sul fondo e non viene raggiunta né da Baclet né da Caccavallo, entrambi bravi ad inserirsi. Al 19’ i cosentini ci provano con la conclusione velenosa dalla distanza di Palmiero che viene bloccata in due tempi da Maurantonio. Poco dopo altra ghiotta occasione per i pugliesi: Barisic, sulla sinistra, crossa al centro, Croce con un velo lascia scorrere la palla verso Lattanzio che va al tiro ma trova Perina pronto a dirgli di no. Al 24’ andriesi ancora in avanti con De Giorgi che pesca sulla sinistra Matera il quale lasciato solo spreca tutto, spendendo la sfera sul fondo. Nei minuti che seguono il match si spegne. Al 40’ si fanno vedere i padroni di casa grazie ad un errore di Curcio che permette a Caccavallo di accentrarsi e concludere: la palla finisce di poco fuori alla sinistra del numero 1 azzurro. Al 41’ mister Loseto è costretto a sostituire l’azzurro Allegrini per infortunio con Tiritiello. Al 44’ Cosenza pericolosissimo: Palmiero pesca in area tutto solo Bruccini il quale a tu per tu con Maurantonio ci prova per ben due volte ma trova la risposta pronta di quest’ultimo con la collaborazione, alla fine, di Curcio che di testa devia in angolo la sfera. Poco dopo Mungo approfittando di un'altra svista in fase difensiva della Fidelis ci prova, ma Curcio in scivolata spedisce la sfera in angolo. Termina così un primo match ricco di occasioni per ambo le protagoniste.

Ad inizio ripresa il Cosenza tenta subito di sbloccare il match con il tiro di Caccavallo dalla distanza che, tuttavia, non impensierisce Maurantonio. Al 50’ arriva la risposta dei federiciani con la conclusione di Rada, direttamente da calcio di punizione dai 25 metri, che costringe Perina all’intervento per evitare il goal. Al 62’ un retropassaggio troppo lento di Matera favorisce Baclet, ma Maurantonio esce e blocca la sfera. Nei minuti che seguono il match si spegne. Al 73’ la Fidelis Andria passa in vantaggio con una parabola precisa dal limite di Curcio, da calcio piazzato, che termina sotto l’incrocio dei pali. La reazione del Cosenza arriva subito con la girata in area di Mendicino che esalta Maurantonio, ancora una volta costretto a salvare i suoi. Al 79’ i federiciani sfiorano il raddoppio con Matera che servito da De Giorgi tenta di beffare il portiere avversario che risulta attento e si rifugia in corner. Nei minuti finali il Cosenza prova il tutto per tutto, trovando, tuttavia, la Fidelis Andria pronta a respingere ogni sortita offensiva. Al 93’ i cosentini si pareggiano i conti con Pascali che in mischia, servito da calcio d’angolo, deposito la sfera in rete. Termina così la sfida (dopo che l’arbitro decreta per due volte la fine del match, poiché inizialmente sbaglia a calcolare il recupero).

Rinviato, dunque, per entrambe le formazioni l’appuntamento con la vittoria. Per la seconda volta consecutiva, tuttavia, dopo quanto accaduto contro la Casertana, i federiciani si fanno raggiungere nei minuti finali di gioco. Con questo pareggio i calabresi salgono a quota 2, mentre i federiciani (con una gara da recuperare contro il Siracusa) a 3 punti.Sabato prossimo il Cosenza sarà ospite del Siracusa, mentre la Fidelis sarà di scena a Catania.

COSENZA - FIDELIS ANDRIA 1-1:

COSENZA: 1 Perina; 5 Idda, 31 Dermaku, 29 Pascali, 3 Pinna; 21 Bruccini, 6 Palmiero (79' - 24 Liguori), 7 Mungo (79' - 23 Calamai); 10 Caccavallo, 16 Baclet (65' - 9 Mendicino), 25 Tutino (57' - 11 Statella). (22 Saracco, 2 Corsi, 13 Pasqualoni, 15 Boniotti, 20 Trovato, 26 Loviso). All. Fontana. 

FIDELIS ANDRIA: 1 Maurantonio; 2 De Giorgi, 4 Allegrini (41' - 14 Tiritiello), 6 Rada, 21 Curcio; 8 Piccinni, 25 Quinto, 11 Matera; 7 Barisic (76' - 17 Esposito), 9 Croce (66' - 29 Nadarevic), 10 Lattanzio (76' - 13 Scaringella). (22 Cilli, 3 Pipoli, 16 Minicucci, 23 Bottalico, 24 Paolillo). All. Loseto.

Stadio: San Vito - Marulla.

Arbitro: Davide Curti della sezione di Milano. 

Assistenti: Marco Trinchieri di Milano e Cosimo Cataldo di Bergamo.

Indisponibili: Colella (FA).

Marcatori: 72' Curcio (FA), 93' Pascali (CO)

Ammoniti: 71' Palmiero (CO), 85' Dermaku (CO), 85' De Giorgi (CO). 

Espulsi: /

Angoli: /

Cambio di sistema: /

Recupero: 3' p.t. - 5' s.t. 

Spettatori: N.C.

Cosenza - Fidelis Andria: i precedenti al San Vito-Marulla: l'Andria ha vinto solo 1 volta
Cosenza - Fidelis Andria: il migliore ed il peggiore tra le fila dei federiciani